Imparare a comunicare la scienza alla Harvard Medical School



Al via l’ottava edizione delle Borse di studio Armenise-Harvard/UGIS. Milano-Boston, Gennaio 2007. Si riparte per Boston!

Sta decollando in questi giorni l'ottava edizione del concorso per giornalisti scientifici e già stanno arrivando le richieste di partecipazione.

I vincitori voleranno a Boston in giugno dove, assistiti dai responsabili editoriali della Harvard Medical School, intervisteranno importanti scienziati e visiteranno i loro laboratori.

Studieranno criteri e tecniche statunitensi della comunicazione scientifica e avranno incontri con alcune redazioni.

Parteciperanno inoltre, a Newport, Rhode Island, al Simposio annuale della Fondazione Armenise-Harvard.

Le Borse di Studio, finanziate dalla Fondazione Giovanni Armenise-Harvard e dall’UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici), copriranno le spese formative presso la Harvard Medical School, compresi i costi di viaggio e soggiorno.

Il concorso è riservato a giornalisti italiani, all'inizio o a metà della loro carriera, che lavorano in Italia, con adeguata conoscenza della lingua inglese, e una precedente esperienza di redazione di articoli scientifici e di copertura di notizie riguardanti la ricerca di base.

Le domande di partecipazione saranno valutate e selezionate da una commissione composta da esponenti della Harvard Medical School e dell'UGIS e infine sottoposte all'approvazione del Comitato dei Garanti della Fondazione Giovanni Armenise-Harvard.

08/01/2007

Per informazioni e per ricevere il modulo di partecipazione, rivolgersi a:

Daniela Daveri

Selezione Borse di Studio Fondazione Giovanni Armenise-Harvard e UGIS, Tel.: +39.02.2695.2018
Fax: +39.02.2692.6818 E-mail: ddaveri AT giovannigallazzi DOT com

Il termine ultimo per l’inoltro del modulo di partecipazione e di tutti gli allegati è il 15 Marzo 2007.

Fondazione Giovanni Armenise-Harvard

Ufficio Stampa Daniela Daveri
Tel.: +39.02.2695.2018
Fax: +39.02.2692.6818 E-mail: ddaveri AT giovannigallazzi DOT com


commenti by Disqus