Bioforum, dove scienza e impresa si incontrano


Biotecnologie: non passa giorno che la stampa non ne parli. Oggi si assiste ad una grande attenzione anche in Italia, che vuole colmare il ritardo e sviluppare il settore. E se gli OGM, Organismi Geneticamente Modificati, fanno tuttora discutere, non si vuole comunque perdere un treno fondamentale per le numerose potenzialità e il benessere generale che le biotecnologie comportano.

In Lombardia sono concentrate circa il 50% delle Imprese (fonte Assobiotec, l'Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie), sono presenti Centri di ricerca d'eccellenza e alcuni Dipartimenti Universitari di assoluto riferimento nel settore ma fino ad oggi è mancato a Milano un momento di incontro che non fosse esclusivamente di ricerca specializzata ma volto ad approfondire i vari aspetti delle biotecnologie.

Bioforum la mostra convegno dove scienza e impresa si incontrano, nasce dalla concreta e sinergica volontà di tutte queste componenti. Bioforum è realizzato con la supervisione scientifica di un autorevole Comitato Promotore, con la collaborazione di Assobiotec, CNR, HSR, IFOM, Politecnico di Milano, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Università degli Studi di Milano.

Inoltre ha il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero delle Attività Produttive, del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e del Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie.

Partendo dalla ricerca innovativa nelle tre principali linee di sviluppo (salute, ambiente e agroalimentare, bioprodotti e bioprocessi), si intendono approfondire anche le componenti del quarto settore: finanza, bioinformatica, tutela della proprietà intellettuale, normativa e, fondamentale, etica. Dagli aspetti culturali e dalle implicazioni a lungo termine alle opportunità di collaborazione e di "technology transfer" immediate.

Dal 22 al 24 settembre a Milano presso il Dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze dell'Università degli Studi di Milano Bicocca.


commenti by Disqus