Schema del percorso Banca del Tessuto Ovarico Istituti Fisioterapici Ospitalieri


La paziente oncologica si rivolge agli Istituti Fisioterapici Ospitalieri

La paziente ha meno di 35 anni o è in età pediatrica

⇓ La paziente è affetta da una delle seguenti patologie: Leucemia Mieloide Acuta o Cronica; Leucemia Linfoblasica Acuta; linfoma di Hodgkin e non-Hodgkin; neoplasia della mammella; tumore di Wilms; sarcoma di Ewing; osteosarcoma; carcinoma cervicale agli stadi iniziali. La paziente è sottoposta a trattamento conservativo.

La paziente viene indirizzata alla BTO

Un team di specialisti valuterà se la paziente è elegibile per il prelievo del tessuto ovarico

Il tessuto ovarico viene prelevato per via laparoscopica e conservato in azoto liquido a -196°C

La paziente si sottopone alle opportune terapie anti-tumorali

A due anni dalla remissione post terapia Il team di specialisti della BTO valuta con la paziente l’opportunità di procedere all’autotrapianto: il tessuto della paziente verrà scongelato e reinnestato lì dove era stato rimosso

Valutazione della funzionalità ovarica mediante dosaggi ormonali

Per approfondire l'argomento:

Intervista al Prof. Enrico Vizza responsabile della banca del tessuto ovarico LEGGI →

Comunicato cos'è la Banca del Tessuto Ovarico LEGGI →

Per informazioni:

Lorella Salce Capo Ufficio Stampa Istituti Fisioterapici Ospitalieri IFO Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Istituto Dermatologico San Gallicano Via Elio Chianesi, 53 - 00144 Roma Tel.: +39.06.5266.2753 E-mail: uff.stampa [AT] ifo.it Web: http://www.ifo.it


comments powered by Disqus